• Italiano

Passeggiata Liberty a Parma

VENERDI 9 LUGLIO- SABATO 10 LUGLIO- MATTINO ORE 09.30

PRENOTAZIONI: 338 8796888

Prezzo per persona comprensivo di guida culturale, auricolari, ingressi dove previsti e aperitivo presso il Caffè del Teatro Regio Eur 40.

★ PROGRAMMA Edizione ART NOUVEAU WEEK 2021

A Parma il Liberty stenta ad affermarsi in modo esplicito nelle costruzioni architettoniche e, spesso, eleganti dettagli decorativi vengono applicati ad edifici di ben altro significato strutturale.

Gli esempi più significativi sono legati a case e villini costruiti non solo in centro storico ma anche in zone decentrate, quasi a voler sottolineare la nuova dimensione della città dopo l’abbattimento dell’antica cerchia muraria.

La nuova arte si afferma nella committenza pubblica e privata: Palazzo delle Poste e Telegrafi, banche, tombe monumentali, padiglioni espositivi, lo stadio, locali cinematografici, caffè, attività commerciali e alberghiere, edicole, pensiline, palazzi privati, ville, villine. Passeggiando per le vie del centro di Parma si scoprono diversi elementi di Liberty.

La nostra passeggiata Liberty inizia con Palazzo Giordani. Le origini del palazzo risalgono ai primi anni ’20 del 1900, quando l’allora Consorzio per l’Assetto Edilizio Universitario intende realizzare un padiglione universitario destinato allo studio delle scienze biologiche su un terreno di proprietà comunale.  L’edificio è costituito da tre piani ed è organizzato in un complesso quadrangolare a corte. La pianta di Palazzo Giordani, come la facciata, rappresenta in sintesi l’eleganza decorativa dell’epoca, il gusto per la razionalità, per le proporzioni, la simmetria, le figure geometriche pure. Attualmente è sede della Provincia di Parma.

Si prosegue per Villa Cornelli, Villino Bonazzi (1911) in questo vilino le più varie forme dell’art nouveau si intrecciano con caratteri eclettici. Il villino fu costruito su disegno del raffinato ed aristocratico architetto Mario Stocchi Monti. Proseguiamo la nostra passeggiata e dal lungo Parma, nel punto dove sorge Villa Barilli, potremo ammirare, sulla parte opposta del fiume, l’ex mobilificio Guastalla, addossato alle carceri che fornivano manodopera, trasformato poi, intorno agli ’80, in condominio. Senz’altro l’ing. Alessi Canosio aveva presente il modernismo viennese, nelle sue interpretazioni più geometriche ed austere, nell’impostare questo edificio. Un fabbricato dalle forme essenziali ma di qualità.

La passeggiata continua verso il Palazzo di Riserva conosciuto anche come Palazzo delle Poste dove potremo ammirare la decorazione del “Vestibolo” (1909) eseguiti da Paolo Baratta. Entro “finte cornici a ventaglio” il Baratta dipinge figure allegoriche di stampo eclettico e monumentale. L’esterno del Palazzo è connotato da un linguaggio eclettico di matrice classicheggiante, all’interno si apre il vasto Salone degli Sportelli caratterizzato da una copertura a vetri.

La nostra passeggiata liberty termina al Caffè del Teatro Regio per un piacevole aperitivo in una cornice storica ed elegante.

 

 

Tags: artnouveau, artnouveauweek2021, LIBERTY, parma2021, parmacittadellacultura20202021, passeggiataliberty, visitemilia